Champagne Brut Clos du Mesnil 2006 Blanc de Blancs Krug - Cassa Legno
zoom_out_map
chevron_left chevron_right
-15%

Brut Clos du Mesnil 2006 Blanc de Blancs Champagne AOC Krug - Cassa Legno

1.490,00 € (Tasse incl.) |1.752,94 € -15% 1.221,31 € (Tasse escluse)
notifications_active Ultimi articoli in magazzino
Tasse incluse Spedizione in 3-4 gg lavorativi

PRODUTTORE chevron_right

Champagne AOC
Francia
Chardonnay 100%
0.75 l
12.00%
2006
2020/2030
10/10
Carpaccio di tonno
9-12°
Contiene solfiti
Brut
Scheda tecnica

DESCRIZIONE
Prodotto a partire da un singolo appezzamento, un'unica varietà, lo Chardonnay, e una sola vendemmia, quella del 2004. L'annata 2004 ha messo alla prova la pazienza dei viticoltori. Infatti, nella regione della Champagne le temperature si sono mantenute eccezionalmente basse per un lungo periodo, caratterizzando un inverno pungente e una primavera fresca. Grazie alla sua purezza e freschezza straordinarie, a cui si accostano tensione, vivacità e grande equilibrio, oggi Krug Clos du Mesnil 2004 si distingue per l'impronta precisa e per la grazia inconfondibile. A prima vista, si percepisce una forte luminosità e l'intenso colore dorato del granturco maturo. Al naso esprime aromi intensi di mela caramellata, caramello, agrumi maturi e noci leggermente tostate, al palato rivela una sorprendente generosità e ampiezza. Accenni iniziali di zucchero di canna, zenzero candito e noci di pecan lasciano il posto a note agrumate che accompagnano un'esplosione di freschezza valorizzata da un finale elegante e molto persistente. ABBINAMENTI

CIBO-VINO
Il Krug Clos du Mesnil 2004 si abbina magnificamente a piatti a base di pesce o crostacei come capesante scottate o carpaccio di tonno. Può anche essere gustato con piatti di carne delicatamente aromatizzati come la blanquette de veau.

PRODUTTORE
Joseph Krug nasce nel 1800 nella cittadina tedesca di Mainz, all'epoca parte dei possedimenti dell'impero napoleonico. Joseph entra in contatto sin da piccolo con il mondo della viticoltura, che all'epoca era frammentato proprio come la Champagne, la regione che un giorno eleggerà a sua dimora. In gioventù si dimostra ben presto un ragazzo talentuoso e ambizioso, capace di parlare tre lingue. arriva a Parigi nel 1834, in cui fa esperienze che lo portano a lasciare il proprio segno nel mondo dello Champagne. Viene assunto da Jacquesson, la più rinomata Maison produttrice di Champagne dell'epoca e ne diviene ben presto socio. Successivamente, all'età di 42 anni, decide di abbandonare Jacquesson, per inseguire il suo più grande sogno, creare il migliore Champagne al mondo, anno dopo anno....

chat Recensioni (0)